Ecomondo 2011

RIMINI FIERA: +16,7% PER LE MANIFESTAZIONI DELLA GREEN ECONOMY

75.980 visitatori per Ecomondo, Key Energy e Cooperambiente, con un incremento del 49% dei visitatori stranieri. L’industria scopre a Rimini nuove soluzioni ecocompatibili.

Rimini, 14 novembre 2011 – 75.980 visitatori professionali (+16,7% sul 2010). Anno record per la grande kermesse ambientale di Rimini Fiera. Nelle quattro giornate di fiera, da mercoledì 9 a sabato 12 novembre, Ecomondo, Key Energy e Cooperambiente hanno anche registrato uno straordinario progresso per quanto riguarda l’affluenza degli operatori esteri:
7.754, con un incremento del 49%.

Questo per quanto riguarda i numeri, ma pure la sostanza delle manifestazioni ha pienamente soddisfatto le attese e gli investimenti di Rimini Fiera. S’è infatti avviato un nuovo percorso di sviluppo: attrarre l’attenzione del sistema produttivo per fornire risposte concrete alla domanda di soluzioni sostenibili. E’ anche il risultato di una precisa strategia di Rimini Fiera, che proprio sulla rivoluzione ecoindustriale in corso ha puntato sia in termini di comunicazione, sia di eventi programmati.

Per quattro giorni la Fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile ha proposto l’offerta di 1.200 imprese che hanno occupato l’intero quartiere fieristico riminese. Protagonista dell’intero ciclo del riuso di rifiuti, aria, acqua ed energia.

Le sezioni hanno riguardato anche le demolizioni, le bonifiche dei siti contaminati, la riqualificazione di aree dismesse. Nucleo centrale il ciclo dei rifiuti, mentre due interi padiglioni hanno ospitato l’area educational visitata da oltre 4.000 studenti provenienti da tutta Italia. In grande progresso la presenza di aziende dedite alla costruzione di impianti, delle industrie del settore della rottamazione autoveicoli, dei gestori di impianti di trattamento e riciclo.

Le manifestazioni hanno avuto il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche Europee, del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.
Al taglio del nastro è intervenuto il presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani.

Tutte le associazioni del settore hanno scelto la kermesse di Rimini Fiera per evidenziare il loro impegno e farne la ribalta per le iniziative principali. Tra queste in primis il Conai, ma anche Fise Unire, Fise Assoambiente, Federambiente Iswa, Ispra, ISS e tutti i consorzi di filiera.

INTERNAZIONALITA’
Un fattore in risalto, in sede di bilancio di Ecomondo 2011, è la partecipazione a tutti i livelli di realtà provenienti dai paesi esteri. Oltre 250 i buyer provenienti dai Paesi selezionati e di interesse per l’offerta dell’industria ‘verde’ italiana. In fiera si sono svolti 2.432 (+20% sul 2010) business meeting programmati sulla piattaforma online nelle settimane precedenti.

Il calendario ha visto protagonisti, anche in collaborazione con Iswa, operatori da Bulgaria, Germania, Lituania, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Slovacchia, Spagna, Turchia, Ucraina, Brasile, Romania, Serbia, Marocco, Egitto, Africa Subsahariana.

LE SMART CITIES
Altro tema centrale in fiera: la città del domani è “smart”. La fiera ha colto pienamente la prospettiva, dedicando all’iniziativa un’intera area. Una società più sostenibile parte infatti dai centri urbani, dove vive oltre il 50% della popolazione mondiale che consuma l’80% dell’energia con relative emissioni di CO2 in atmosfera, causa principale del riscaldamento globale.

Per questo l’Unione Europea ha puntato fari e risorse sul programma “Smart cities and communities”, che finanzia progetti legati all’uso e alla produzione sostenibile di energia e allo sviluppo di una mobilità ecologica. Due colossi italiani, Enel e Telecom Italia, hanno proposto a Key Energy le loro iniziative fra le quali la soluzione per la casa “intelligente” Energy@Home, il sistema evoluto sviluppato da Telecom Italia, Enel, Indesit ed Electrolux per una gestione eco-efficiente dell’abitazione.

Le soluzioni di Enel e Telecom Italia
Ma come nasce una città intelligente? Grazie a progetti adeguati, servizi innovativi e soluzioni tecnologiche. Enel, specializzata nelle smart grids, ha abbracciato l’iniziativa “Smart City” promossa dalla Ue e affianca i comuni italiani per la realizzazione delle città sostenibili. In particolare, Enel Distribuzione è stata la prima società al mondo che ha provveduto a sostituire a tutti i suoi clienti italiani (32 milioni di utenze) i tradizionali contatori elettromeccanici con moderni contatori elettronici.

Attraverso la presentazione di Smart Town e Smart Building di Telecom Italia, le innovative piattaforme di gestione intelligente del territorio e degli edifici, e della tecnologia a Led di Enel per l’illuminazione stradale, è stato dimostrato come risparmi energetici dal 40 al 70% possano essere coniugati con servizi a valore aggiunto per i cittadini e le amministrazioni pubbliche, vedi videosorveglianza e wifi, e per l’ottimizzazione della mobilità, attraverso auto elettriche e una gestione integrata della rete di ricarica.

In fiera anche la soluzione per la casa “intelligente” Energy@Home, il sistema evoluto sviluppato da Telecom Italia, Enel, Indesit ed Electrolux per una gestione eco-efficiente dell’abitazione. L’utente, attraverso il proprio telefonino o computer, sarà in grado di dialogare con elettrodomestici intelligenti, telecontrollarne in tempo reale e da remoto il funzionamento, e impostare programmi personalizzati per ottimizzare i consumi.

Altro focus sulle smart cities a Cooperambiente, la rassegna promossa da LegaCoop con l’eccellenza del sistema cooperativo dedicato all’ambiente. Un convegno ha lanciato l’alleanza tra forze produttive (IBM-Merloni-Legacoop), stakeholder pubblici e consumatori organizzati per lanciare concretamente sul mercato una strategia condivisa per l’evoluzione intelligente dell’intero sistema energetico italiano, basata sull’efficienza, l’innovazione e la partecipazione.

I GRANDI EVENTI
In apertura di Ecomondo, l’evento inaugurale è stato il 2° Forum Internazionale Ambiente ed Energia promosso da Conai, Legacoop, Legambiente, Regione Emilia-Romagna e Rimini Fiera e organizzato da The European House – Ambrosetti. In apertura, saluto dell’ambasciatore svedese in Italia Ruth Jacoby. A seguire, le attese lecture di scenario affidate a due influenti personalità internazionali: il fisico Amory Lovins, president e chief scientist del Rocky Mountain Institute e l’advisor indipendente Simon Anholt.

Poi gli interventi di Roberto De Santis (presidente del CONAI Consorzio per il Recupero degli Imballaggi) che ha ricordato i numeri del Consorzio (3.700 aziende per un totale di 70.000 dipendenti) e i risultati raggiunti nel corso degli ultimi mesi; del presidente di Legacoop Giuliano Poletti che ha posto l’accento sulla necessità di stimolare l’efficientamento energetico delle abitazioni; del presidente della Regione Emilia-Romagna Vasco Errani che ha ricordato come la Green Economy non funziona senza una classe dirigente che configuri scenari e metta in discusse interessi, monopoli e rendite economiche.

Nell’expo, è stata ripagata la grande attesa per l’area Città sostenibile, promossa da Ecomondo e a cura di eAmbiente con la collaborazione del Coordinamento delle Agende 21 locali italiane, del Ministero dell’Ambiente, di Legambiente e Anci. In evidenza le esperienze di un nuovo modo di concepire ‘la qualità della vita urbana’. Al centro dell’attenzione le esperienze nazionali e internazionali, le tecnologie sostenitrici di questo cammino, a cominciare dalla Leaf robot, un ulteriore evoluzione della tecnologia di monitoraggio e misurazione dell’impatto ambientale.

Presentato in anteprima ‘Pandora: un organismo vivente a Marghera’, il primo ‘edificio intelligente’. Di interesse la partecipazione di Fiat  Group con la gamma Natural Power. La green economy “made in Italy” è stata protagonista del premio istituito dalla Fondazione Sviluppo Sostenibile presieduta da Edo Ronchi che da tre anni tiene ad ECOMONDO la cerimonia di premiazione. Le aziende vincitrici quest’anno del Premio Sviluppo Sostenibile 2011, con l’adesione del Presidente della Repubblica, sono state ECOFIRENZE (settore rifiuti), SA.M.E. di Torgiano (settore energia), MENGOZZI di Forlì (settore prodotti e servizi).

Ottimo successo per il debutto di Slow Food, che all’Arena-Lunch e in collaborazione con Novamont ha proposto pietanze a base di prodotti provenienti da tali presìdi, un’attività di educazione alimentare e ambientale del progetto “Orto in Condotta” (coinvolte 330 scuole italiane). A Ecomondo è stata presentata l’attività del nuovo Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori (CDCNPA), che si occupa della gestione integrata di rifiuti giunti a fine vita; il sistema RAEE (rifiuti elettrici ed elettronici) ha ricordato il raggiungimento nel 2010 dell’obiettivo indicato dall’UE per la raccolta (4 kg per abitante) e presentato una ricerca sul fenomeno della cannibalizzazione dei RAEE; l’atteso convegno su recupero e riciclo dei veicoli fuori uso a cura di Anfia, Unraee e Filiera Industriale ha fatto il punto della situazione in vista dei target 2015 di riciclaggio fissati dalla UE. Infiniti gli spunti offerti dal calendario degli eventi, tutti di alto profilo e di rilievo per gli operatori.

I SEMINARI
La leadership di Ecomondo ha una profonda radice nel robusto e qualificato programma di seminari che il Comitato Tecnico
Scientifico, coordinato dal prof. Luciano Morselli dell’Università di Bologna, mette a punto ogni anno.  Quest’anno si sono svolti 150 eventi, almeno il 30% con una valenza tecnico scientifica; a questi si sono aggiunti aggiungono i Call for Papers ai quali sono intervenuti più di 100 enti di ricerca universitari, pubblici e privati, con circa 700 autori.
Quattro ambiti hanno rappresentato il filo rosso dei seminari: Industrial Ecology applicata alla ricerca ed alle attività produttive; La Green Economy, la sua evoluzione nelle problematiche produttive e di servizio; Europa del Recupero; Ecoefficienza e Modelli di Sostenibilità.

ECOMONDO SUI MEDIA E SUI SOCIAL NETWORK
Ecomondo ha confermato anche quest’anno il suo appeal per i media. In sala stampa si sono accreditati 638 giornalisti (572 nel 2010). Gli argomenti trattati in fiera hanno attirato l’attenzione della stampa specializzata, di quella locale e regionale. Numerosi i servizi pubblicati dai quotidiani e periodici nazionali (Corriere della Sera, Repubblica, QN, Sette Green, Espresso, ecc.), dai network televisivi nazionali (Tg1 Tg2 Tg2 Costume&Società, Tg3, La7) e radiofonici (Radio 24, Radio Rai, RDS, RMC, ecc.).

Da ricordare anche lo svolgimento della 1a Giornata Ambientale per i Giornalisti, promossa da Unaga, Fnsi, Cnog, Greenaccord, eAmbiente ed Ecomondo, dedicata alla diffusione di informazioni utili alla stampa nell’ambito della mobilità
sostenibile.
Nel 2011 Ecomondo ha visto il debutto di un nuovo progetto finalizzato all’interazione coi social network: Facebook, Twitter e Linkedin sono state altre piazze d’incontro – oltre a quella fisica della fiera – per chi condivide i valori della sostenibilità all’insegna dei contenuti veicolati dalla manifestazione leader dedicata alla green economy. Inoltre, come già avviene da qualche anno a questa parte, l’evento riminese è stato trasmesso in diretta streaming dal sito www.greentg.tv

LA MASCOTTE DI ECOMONDO
E’ ormai diventata oggetto da collezione la mascotte di Ecomondo. Ogni anno la fiera propone infatti una specie in via di estinzione da portare all’evidenza del pubblico, declinata in un gadget in ecoallene da Tetrapack e distribuita ai visitatori. Quest’anno è toccato alla Salamandra dalla coda rossa, individuata dal Prof. Luciano Morselli (Coordinatore scientifico di Ecomondo) che ne ha realizzato anche un prezioso bozzetto grafico.

EDUCATION
Due interi padiglioni del quartiere fieristico riminese sono stati dedicati alla rassegna di attività educative, animazioni e spettacoli sui temi dell’ecologia che Ecomondo propone alle scuole.
Sono intervenuti oltre 4000 studenti e le quattro giornate sono state dedicate all’educazione sostenibile per vivere il futuro con ben 23 fra laboratori, seminari, dibattiti, animazioni e giochi didattici patrocinati dal Ministero dell’Ambiente.

Fra le proposte più simpatiche, il tir di CircOLIamo, la campagna informativa itinerante del Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati che nei prossimi giorni toccherà tutti i capoluoghi di provincia dell’Emilia-Romagna. Il COOU, inoltre, ha partecipato a Ecomondo nella formula collaudata del “Sistema Consorzio”, al cui stand si sono alternati incontri e dibattiti su Green Economy, acquisti verdi e rifiuti con il comun denominatore della crescita e dello sviluppo economico in ambito ambientale.

DICHIARAZIONI
“Il traguardo dei 15 anni di Ecomondo – commenta Lorenzo Cagnoni, presidente di Rimini Fiera – l’abbiamo festeggiato con un’edizione scintillante. Il sistema delle imprese che operano nell’ambiente ha confermato il suo dinamismo ed Ecomondo ha colto subito l’evoluzione in atto. Ecomondo cresce ogni anno, si completa con nuovi settori ed evidenzia sia le nuove frontiere della ricerca che le innovazioni tecnologiche. Non di facciata, ma precise soluzioni per le strategie produttive dell’industria dei vari settori”.

“Le rassegne fieristiche – dice Simone Castelli, direttore business unit Rimini Fiera – non sfuggono ai morsi della crisi  economica. In questo caso possiamo però fare un’eccezione perché la necessità e la volontà mondiale di affermare una nuova cultura della sostenibilità ambientale è più forte delle oggettive difficoltà generali. La cultura della sostenibilità pervade la quotidianità delle imprese industriali, ogni decisione strategica ha questo denominatore. Ecomondo 2011 è stata una risposta a questa domanda, fornendo soluzioni e anche una prospettiva di sviluppo”.

“I convegni – aggiunge il Prof. Luciano Morselli, coordinatore scientifico di Ecomondo – si sono dimostrati un elemento trainante anche per questa edizione. E’ emersa una nuova giovane generazione di ricercatori, tutti fortemente innovativi e che sanno cogliere aspetti inediti che nei prossimi anni saranno approfonditi. Tra questi sottolineo l’inquinamento indoor, al quale si dovrà porre molta attenzione. Altro rilevante aspetto quello che riguarda le ricerche che si sviluppano sui minerali critici (metalli nobili, terre rare) che sono richiesti dall’industria elettronica e che stanno scarseggiando a causa delle limitazioni poste dai paesi BRIC, i quali ne sono principali detentori. Infine tutto il tema della riduzione dei disagi provocati dagli odori”.

Intervenuto nella giornata inaugurale, il Presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani ha sottolineato: “Questo evento si colloca sul versante più fondamentale e strategico per il mondo di oggi. Tutto ciò che gira attorno alla green economy è di straordinaria importanza. La Regione ne è convinta e non a caso sta impostando le sue politiche su scelte tecnologie ecocompatibili e sull’utilizzo di energie rinnovabili”.

Trattenuta a Roma da impegni di Governo, il Ministro dell’Ambiente Stefania Prestigiacomo non ha voluto far mancare una sua riflessione sulla kermesse di Rimini Fiera: “L’Italia deve fare di più, perché la green economy è un driver decisivo per la ripresa. Nel nostro Paese sono numerose le imprese, piccole e grandi, che investono sulle fonti di energie pulita, sul corretto ciclo dei rifiuti, la mobilità sostenibile, la bioedilizia, dimostrando quanto l’ecosostenibilità sia la strada giusta. Ad Ecomondo ne abbiamo un bellissimo esempio, che testimonia come sia possibile coniugare la tutela dell’ambiente con lo sviluppo economico
e quanto ciò sia una scelta vincente, anche in termini di occupazione”.

“Conai può quasi definirsi un socio fondatore di Ecomondo – rileva il presidente Roberto De Santis – e credo che insieme si sia fatto un ottimo lavoro in questi anni per promuovere e sviluppare la cultura ambientale. L’edizione di quest’anno ci soddisfa, continua a crescere la presenza delle imprese ed anche la qualità degli incontri programmati. Abbiamo partecipato a diversi incontri, tutti di grande interesse. Il futuro ci chiama ad una responsabilità forte, dobbiamo affermare definitivamente la consapevolezza che il rifiuto è una risorsa da sfruttare appieno”.

“Siamo soddisfatti per l’andamento registrato dalla quinta edizione di Cooperambiente – conclude Giuliano Poletti, Presidente Legacoop – che si è svolta all’interno di Ecomondo 2011, con la partecipazione di oltre 70 cooperative che operano nella green economy. Quest’anno abbiamo messo al centro della nostra rassegna il tema dell’efficienza nell’uso dell’energia e dell’ambiente. Un tema che ci sembra ancora più importante in un momento così difficile per la vita economica e sociale del nostro paese”.

Il prossimo appuntamento con Ecomondo è a Rimini Fiera dal 7 al 10 novembre 2012.

LATEST POSTS
MOST POPULAR
TEXT WIDGET

What makes Cleanmate trusted above other cleaning service providers? When you combine higher standards, smarter strategies and superior quality all in one package, the result is top notch.